23 luglio 2016

Spal solida e bella: con la Lazio al 90′ finisce in pareggio (1-1)

Calcio. Ottima prova ad Auronzo della squadra di Semplici. Nella ripresa i romani avanti con Djordjevic, pareggio di Grassi. Si va ai rigori per assegnare il trofeo Tre Cime di Lavaredo e finisce 4-3 per la formazione di Inzaghi AURONZO DI CADORE (BL). L’esame di serie A dice che, pur con tutte le cautele legate … Continued

Calcio. Ottima prova ad Auronzo della squadra di Semplici. Nella ripresa i romani avanti con Djordjevic, pareggio di Grassi. Si va ai rigori per assegnare il trofeo Tre Cime di Lavaredo e finisce 4-3 per la formazione di Inzaghi

AURONZO DI CADORE (BL). L’esame di serie A dice che, pur con tutte le cautele legate al periodo, la Spai c’è. La squadra di mister Semplici, al cospetto di un avversario di massima serie quale la Lazio, gioca da pari a pari (se non meglio) e soprattutto ribadisce di possedere organizzazione. A far testo è il primo tempo. Ma va detto che nella ripresa la Spai ha forze e qualità – dopo essere andata sotto – per rimontare e pareggiare con Grassi (1-1). Gara decisa ai rigori ma solo per l’assegnazione del trofeo Tre Cime di Lavaredo: finisce dunque 4-3 per la Lazio. Spai in campo con la miglior formazione proponibile al momento, se si pensa all’assenza degli azzurrini Meret, Ghiglione e Pontisso, dello juventino Cerri e degli acciaccati Schiavon e Bonifazi. Il tutto in attesa dei rinforzi che ancora mancano (due difensori centrali ed un centrocampista). Figliomeni e Misuraca schierati dall’inizio aspettando la decisione sul loro ingaggio o meno (improbabile il difensore, quasi certo il centrocampista). Finotto preferito a Zigoni rispetto all’uscita col Verona Stars. Lazio (alla quarta amichevole stagionale) senza il neo-acquisto Jordan Lukaku e con Onazi, Cataldi e Keita inizialmente in panchina. I biancazzurri ferraresi (in completo verde) hanno convinto, a dispetto del divario di preparazione rispetto alla Lazio (più avanti). La squadra conferma di avere un’identità, sa stare in campo, dimostra personalità e un’idea di gioco. E rischia poco o nulla, a fronte di una maggior pericolosità frutto di un miglior fraseggio e di un’apprezzabile manovra d’approccio. Nel primo tempo è la Spai che macina gioco. Si contano due gran botte di Castagnetti, uno spunto di Mora con invito per Antenucci anticipato di misura, ed un’altra apprezzabilissima combinazione Mora-Misuraca-Antenucci con tiro ribattuto e successiva respinta di Berisha sul tentativo di Mora. Nella ripresa la Lazio ne cambia in fretta un’infinità, nella Spai c’è solo Posocco per Figliomeni (segnale che non resterà), con Gasparetto che trasloca sul centro-sinistra. Onazi ha gamba, sfonda, crossa e Djordjevic col piattone batte Branduani: gol Lazio. Al 2T Semplici mette forze fresche e il piede fatato di Beghetto sforna un cross rigirato in mezzo da Lazzari per la rovesciata di Antenucci. Si perde il conto dei cambi ma la Spai resta vivacissima con Lazzari, bersagliato di falli.

Il laterale al 42 sforna un cross bijou su cui il subentrato Grassi incorna per il meritato pareggio. Spai ai rigori tra gli applausi del popolo. Dal dischetto vince 4-3 la Lazio, errori spallini di Zigoni (palo) e Posocco (alto) a fronte di quello di Onazi (palo). Ma conta nulla.
LAZIO (4-3-3)

99 Berisha (V s.t. 55 Vargic); 4 Patrie, 3 De Vrij (l’s.t. 33 Mauricio), 2 Hoedt, 26 Radu (1′ s.t. 97 Germoni); 21 Milinkovic (7′ s.t. 23 Onazi), 96 Murgia (7′ s.t 5 Cataldi), 19 Lulic (33’ s.t. 70 Oikonomidis); 7 Kishna (T s.t. 25 Lombardi), 9 Djordjevic (23′ s.t. 77 Palombi), 70 Oikonomidis (7′ s.t. 11 Morrison). A disp.: 44 Borrelli, 1 Strakosha, 8 Basta, 44 Prce, 80 Javorcic, 14 Keita All : S. Inzaghi
SPAL (5-3-2)

1 Branduani (37′ s.t 12 Marchegiani); 7 Lazzari (48′ s.t. 21 Strefezza), 2 Gasparetto, 4 Giani, 3 Figliomeni (T s.t. 19 Posocco), 6 Mora (21’ s.t. 13 Beghetto); 8 Anni, 5 Castagnetti (48′ s.t. 18 Mawuli), 10 Misuraca (21′ s.t. 20 Spighi); 9 Finotto (21′ s.t. 23 Zigoni), 11 Antenucci (31′ s.t 17 Grassi). A disp.: 14 Boccafoglia, 15 Concas, 16 Equizi, 22 Demba, 24 Silvestri. All.: Semplici
Arbitro: Nube di Mestre

Reti: 12’ s.t. Djordjevic (L), 42′ s.t. Grassi (S)


Condividi questa notizia:


Magnadyne

Magnadyne è un marchio Italiano